MM6 MAISON MARGIELA SS19

   

maison margiela SS2019

 

La collezione primavera / estate 2019 rappresenta l’ultimo sviluppo della collezione da donna MM6 Maison Margiela, un guardaroba distinto da un’identità streetwear – un’uniforme MM6 democratica ed egualitaria. La linea comprende prêt-à-porter per donne, accessori, calzature e gioielli.
I temi della responsabilità sociale e politica sono evidenti, influenzati dalla classica t-shirt AIDES creata nel 1994 dalla casa per l’omonima organizzazione francese.
Ispirato dalle idee di riscoperta e di “replica”, centrali per l’ethos di Margiela, alcuni oggetti acquistati nei mercatini delle pulci di Clignancourt a Parigi sono diventati fondamento della collezione. A sua volta, questa tradizione parigina è stata tradotta a Londra: il risultato è più giovane, con allusioni alla comunità dello streetwear urbano evidente in quest’ultima città.
Si usano sezioni di capi vintage, trattamenti per imitare l’invecchiamento o intere riproduzioni su scala diversa. Abiti vintage in raso sono applicati a felpe di cotone; le borse di raso utilizzate per confezionare cioccolatini nel 1900 vengono ridimensionate, per diventare abiti. I colori sono presi in prestito da un altro tempo: viola pastello, rosa e pistacchio, i colori della Belle Epoque, punteggiati di nero, bianco e blu denim.
Questi concetti esplorano l’idea di sostenibilità: gli indumenti vintage vengono riciclati nei mercatini delle pulci, le idee vengono riciclate e riutilizzate, riappropriate ed esposte nella loro interezza. Idee e marchio distintivo Margiela: sartoria di cotone a spalle strette; denim rappezzato; pelli invecchiate. Il testo originale della maglietta AIDES – “CI SONO AZIONI PIU’ GRANDI PER COMBATTERE L’AIDS CHE NON INDOSSARE QUESTA T-SHIRT, MA È UN BUON INIZIO” – appare all’esterno dei capi, ma anche stampato all’interno, su strati interni e etichette di cotone invisibili.
Una parte delle vendite di ogni pezzo della collezione sarà devoluta a beneficio dell’organizzazione no-profit AIDES.
I riferimenti ai capi d’archivio originali Margiela compaiono come stampe fotografiche, una nuova forma di replica. Questa idea di “lookaloke” si riflette anche negli accessori: la T-shirt AIDES si trasforma in una tracolla doppia funzione e le classiche borse della spesa in plastica sono reinterpretate in vinile. Anche la calzatura gioca con il trompe l’oeil, imitando l’iconico stivale “tabi” con un calzino all’interno di una scarpa o sandalo di plastica trasparente. È un omaggio all’originale. Allo stesso modo, i “cotoni” di Margiela sono annodati con le copertine in lycra per gli accessori.
I gioielli sono realizzati con cristalli di lampadari come objet trouvé – fanno eco alla decorazione del luogo, confondendo la linea tra spazio e corpo. Gli occhiali da sole sono interamente ricoperti di visioni fluttanti e oscure. È un’idea abbastanza estrema da riportarli alla funzionalità: per fare ombra agli occhi.

————–

ENG

Spring/Summer 2019 represented the latest development of the MM6 Maison Margiela wardrobe for women, a distinct wardrobe with a streetwear identity – a democratic, egalitarian MM6 uniform. The line encompasses ready-to-wear for women, accessories, footwear and jewellery.
The notions of social and political responsibility are evident, influenced by the classic AIDES t-shirt created in 1994 by the house for the French charity of the same name. This lead to the idea of the charity balls of the early 20th century, and the concept of charitable cast-offs.
Inspired by the idea of rediscovery and the ‘replica’ central to the ethos of Margiela, objects purchased from a vendor at the Paris flea markets at Clignancourt are used as the foundation of the collection. In turn, this Parisian heritage and tradition has been translated to London: the result is younger, alluding to the urban streetwear community evident in the latter city.
Sections of vintage garments, treatments to imitate distress, or entire reproductions at different scale are used. Age-crushed vintage dresses in satin are appliquéd to cotton sweatshirts; the satin bags used to package chocolates in the 1900s are scaled up, to become shift dresses. Colours are borrowed from a different time: pastel purple, pink and pistachio, the colours of the Belle Epoque, punctuated with black, white and denim blue.
These concepts explore ideas of sustainability – as vintage garments are recycled at flea-markets, so here ideas are recycled and reused, reappropriated and expounded in their entirety. These include Margiela ideas and signatures: narrow-shouldered cotton tailoring; patchworked denim; distressed leathers. The original AIDES t-shirt text – “THERE IS MORE ACTION TO BE DONE TO FIGHT AIDS THAN TO WEAR THIS T SHIRT BUT IT’S A GOOD START” – appears on garment exteriors, but also printed inside, on interior layers and unseen cotton labels.
A portion of the sales of every piece from the collection will be donated to benefit the not-for-profit organization AIDES.
References to original Margiela archival garments appear as photographic prints, a new form of replication. This notion of ‘lookalike’ is also reflected in the accessories: a slip dress becomes a handbag, the AIDES T-shirt is transformed into double function shoulder bag and the classic plastic shopping bags are reinterpreted in vinyl. The footwear plays with trompe l’oeil too, imitating the iconic ‘tabi’ boot with a sock inside a transparent plastic shoe or sandal. It is an homage to the original. Likewise, Margiela’s ‘cottons’ are nodded to with lycra covers for accessories.
Jewellery is constructed from chandelier crystals like objet trouvé – they echo the decoration of the venue, blurring the line between space and body. Sunglasses are entirely covered with flocking, obscuring visions. It is an idea extreme enough to bring them back to functionality: to shade the eyes.

 

Courtesy MM6 MAISON MARGIELA International Communication Department